Language: Multiple
2006
Jean-Pierre Pedrazzini, URSS - Budapest. Ultimi reportage oltre la cortina di ferro, Bellinzona, 2006 - pp.96 - ISBN 8877134798.
Bibliographical reference (Bib)
Cf. http://www.edizionicasagrande.com [1.11.2006]
Jean-Pierre Pedrazzini
URSS - Budapest
Ultimi reportage oltre la cortina di ferro
Collana «Chiasso Cultura»

anno 2006 - pp.96 - ISBN 8877134798 - Eu 26.00 - CHF 39.00

Questo libro presenta una selezione delle più belle immagini tratte dai due grandi reportage del 1956 di Jean-Pierre Pedrazzini: il viaggio in URSS e i Fatti d'Ungheria.

Fotografo svizzero, francese d'adozione, Jean-Pierre Pedrazzini ha lavorato come fotoreporter per "Paris Match", diventando un importante testimone della vita mondana e culturale degli anni Cinquanta (fotografando, tra gli altri, François Mauriac, Charlie Chaplin, Edith Piaf, Brigitte Bardot, Maurice Chevalier, Sophia Loren, Marlene Dietrich e Vittorio De Sica, Grace Kelly e il Principe Ranieri).
Nella primavera del 1956, insieme al giornalista e scrittore Dominique Lapierre, Pedrazzini decide di intraprendere un viaggio in Unione Sovietica e riesce eccezionalmente a ottenere i permessi grazie all'interessamento personale di Kruscev. Questo reportage è una delle rare e delle più belle testimonianze dell'URSS dell'epoca (il racconto del viaggio di Lapierre è pubblicato in Italia dal Saggiatore, C'era una volta l'URSS).
Nell'ottobre del 1956, appena tornato dall'URSS, Pedrazzini copre per "Paris Match" la rivolta del popolo ungherese. Il 30 ottobre, sulla Piazza della Repubblica di Budapest, mentre fotografa gli insorti che prendono d'assalto la sede centrale del partito comunista, viene ferito gravemente. Muore in una clinica francese il 7 novembre del 1956, a 29 anni. Le fotografie dei Fatti d'Ungheria di Pedrazzini rimangono tra i documenti più significativi e toccanti del tragico evento, tanto per la loro qualità artistica quanto perché testimoni dell'importanza del pericoloso lavoro del reporter.
Il libro URSS - Budapest 1956. Ultimi reportage dalla cortina di ferro contiene 100 fotografie a colori e in bianco e nero dei due reportage. L'introduzione critica è curata da Antonio Mariotti, e la grafica e l'impaginazione da Bruno Monguzzi.
How to cite: Copy

Repository